lunedì 3 settembre 2012

MAMMOTH MAMMOTH


Informazioni
Autore: Mourning
Traduzione: Dope Fiend

Formazione
Mikey - Voce
Cuz - Chitarra
Pete - Basso
Bones - Batteria


Andiamo oggi a conoscere un po' meglio la realtà australiana Mammoth Mammoth, della quale troverete la recensione di "Hell's Likely" inserita nel nostro elenco, vediamo cos'hanno da dirci.

Benvenuti su Aristocrazia Webzine ragazzi, com'è l'estate australiana?

Cuz: L'estate australiana è fottutamente bella ma siamo in pieno inverno al momento. Il che in pratica significa che abbiamo appena usato più fuoco ai nostri concerti per cercare di tenerci al caldo. Oltra a questo, il nostro batterista Bones indossa anche i pantaloni durante i mesi più freddi.


Iniziamo dal monicker, perché la scelta Mammoth Mammoth? Quale significato ha?

Mammoth Mammoth è il più bel nome a cui potessimo pensare. É grande, peloso, ha una cosa lunga che pende dalla parte anteriore e ama il ghiaccio. Proprio come noi.


Come nasce la band, chi sono i componenti e quali sono stati i passi più significativi compiuti sinora?

La band è nata nel 2007 nei vicoli di Melbourne. I membri erano: Mikey (voce e chiavi della macchina perse), Bones (batteria e birra), io (chitarra e bourbon) e Johnny Gash (basso). Abbiamo pubblicato due album con questa line-up, il nostro EP omonimo e il nostro album di debutto, "Mammoth". Poi Johnny Gash è dovuto andarsene perchè ha avuto un problema di droga. Il suo problema era che non riusciva ad assumerne abbastanza e così abbiamo reclutato un tizio di nome Pete e questa è la line-up che ha suonato nel nostro ultimo album, "Volume III - Hell's Likely". Abbiamo suonato un sacco di concerti tra cui un tour con band come Airbourne, Cosmic Pyschos, ecc.


"Hell's Likely", quale è questo probabile Inferno che il titolo annuncia?

L'Inferno è probabile ogni volta che suoniamo.


Chi ha curato l'artwork del disco? Come mai avete scelto una cover così retro e dallo spirito "folk" per un album che suona dannatamente energico?

Un fotografo di nome Chris Tovo ha scattato la fotografia della cover. É stata scattata nel Black Spur, una foresta che è stata devastata da un incendio pochi anni fa. Abbiamo messo lì una ragazza nuda e un grosso cespuglio nella stessa posizione. Dopo lo scatto l'abbiamo presa e abbiamo infiammato il suo di cespuglio. Amiamo gli album degli anni Settanta che, al tempo, erano belle confezioni. Come "Billion Dollar Babies" di Alice Cooper o uno qualsiasi dei primi dischi dei Deep Purple e dei Kiss. Ecco perchè "Hell's Likely" lo abbiamo pubblicato su vinile, come gatefold doppio e pieno di bella carne. Queste cose la maggior parte delle band non le fa più.


Il vostro sound è una combinazione di rock anni Settanta, punk, stoner, heavy e street, quali sono gli ascolti passati e odierni che si riflettono in ciò che suonate?

A tutti noi piacciono cose diverse. Io sono cresciuto con il glam anni Ottanta, Mikey apprezza di più lo stoner, Pete ama il punk e Bones è fortemente influenzato dal Jack Daniels. I Mammoth Mammoth quindi sono come una grande palla di pelo piena di stili diversi. Tutto il meglio in una volta sola.


Come nasce un brano dei Mammoth Mammoth? Qual è per voi il modo migliore di comporre? E per ciò che concerne i testi quali sono le tematiche che preferite affrontare e perché?

Non ci pensiamo troppo. Partiamo jammando. Dopo poche ore Mikey torna dal pub e comincia a urlare nel microfono. In qualche modo funziona. Le nostre canzoni trattano temi profondi: bere, combattere, bere e bere. Pensiamo che il mondo sia già fin troppo pieno di "tematiche" serie. La nostra unica preoccupazione è il fottuto rock and roll.


Ascoltando "Hell's Likely" la voglia di scatenarsi e far baldoria è stata una conseguenza al coinvolgimento creato dalle tracce. Quanto è importante ancora oggi far sì che la musica sia uno sfogo? Avete notato una sorta di appiattimento nelle proposte che spesso vengono definite "rock" e "metal"?

Ogni volta che suoniamo, suoniamo come ci gira. Noi crediamo che se non sanguina, non è davvero rock. L'anno scorso abbiamo suonato un concerto in cui Mikey si è buttato da una finestra di vetro alta sei metri durante la prima canzone. Non ho nemmeno capito che è successo fino a quando è finito tutto perchè stavo suonando troppo forte dall'altra parte del palco. Diamo tutto nei nostri live e cerchiamo di fare in modo che questo accada anche nei nostri album. Il miglior rock and roll dovrebbe essere una via di fuga. Non c'è niente di meglio che ascoltare un album dei Motorhead o dei Pantera per spazzare via tutto quello che ti preoccupa. Questo è ciò che ci proponiamo di fare.


Un amico tornando dall'Australia mi ha parlato di una terra dove la cultura musicale è molto sviluppata, come vedete voi da dentro la situazione della vostra scena musicale? Pregi, difetti, band da scoprire?

In Australia, Melbourne è il luogo ideale per il rock. Ci sono un mucchio di locali di musica dal vivo. Ogni sera della settimana è possibile godersi dell'onesto, sporco e grezzo rock. I nostri posti preferiti per suonare sono il Esplanade Hotel a St. Kilda e il famigerato Cherry Bar in ACDC Lane in città. Sì, abbiamo una strada dedicata agli AC/DC. Penso che questo dica tutto. C'è una scena enorme a Melbourne. Non tanto negli altri stati. Sydney è quasi diventata dio negli anni Settanta e Ottanta ma poi hanno chiuso tutti i locali belli e li hanno trasformati in bar gay.


In un periodo storico nel quale sono le serie di numeri a farla da padrone (mp3), voi come tante altre band, e fortunatamente label, puntate su uscite che agevolano gli amanti del vinile ancor più che quelli del cd. Riusciremo a non far morire i supporti fisici? Come vedete il continuo smaterializzarsi dei lavori a vantaggio dei formati digitali?

L'unico vantaggio della musica in formato digitale è che ha un'enorme diffusione. La merda è che l'arte del "disco" si perde. Ecco perché il nostro album lo abbiamo pubblicato su vinile. Doppio gatefold, una ragazza nuda sulla copertina, quattro ragazze nude al suo interno. Volevamo creare qualcosa che avesse un valore di acquisto e anche di ascolto, mentre si guardano le donne nude. E questo è qualcosa che Internet non sarà mai in grado di fare. Voglio dire, a meno che io mi sia perso qualcosa, non ci sono donne nude su Internet.


I forum sono passati di moda, Myspace è diventato una landa desolata, Facebook è spesso e volentieri una sorta di pollaio più adatto al gossip che ad altro e allora si creano profili su Reverbnation e Bandcamp per dare spazio alla musica. Questa sovraesposizione sulla rete è davvero utile?

La nostra migliore esposizione su Internet è stata su Tube8.com. Abbiamo girato un video e lo abbiamo messo su quel sito. Ha avuto più di due milioni di visualizzazioni. Il sesso vende. Guardatelo: www.tube8.com/hardcore/mammoth-mammoth/106599/.


Com'è stata l'esperienza di supporto agli Airbourne nel tour nazionale? Cosa ricordate, ci sono aneddoti che vi andrebbe di condividere?

Una meraviglia, è stato un tour pazzesco, concerti ottimi. Loro stavano sul palco come piace a noi. Siamo stati ubriachi per la maggior parte del tour ma, da quello che le persone ci dicono, entrambe le band hanno suonato davvero bene.


Com'è stata la vostra prima esibizione on stage, quali difficoltà avete avuto e ripensandoci oggi cosa avreste fatto di diverso?

Ogni volta che suoniamo ci sono ventimila persone davanti a noi. Che poi, in realtà, siano lì o nella nostra testa non ha importanza. Noi suoniamo, non importa cosa. Siamo sempre andati carichi sul palco e sempre lo faremo. Non capisco le band che pensano sia sufficiente salire sul palco e stare lì a suonare i propri strumenti. Come ho detto, se non sanguini non sei rock.


Siete in giro per concerti in questo periodo? C'è in programma un tour in zona europea?

"Hell's Likely" è stato pubblicato qui in Australia all'inizio di giugno, abbiamo sempre suonato da allora. Il prossimo anno ci dirigeremo verso l'Europa e suoneremo un po' di concerti. Poi speriamo di suonare su Urano dopo.


Non si vive di sola musica purtroppo, qual è il mondo di tutti i giorni dei Mammoth Mammoth? Passioni, hobby, lavoro, speranze per il futuro?

Speranze per il futuro? Speriamo di fare abbastanza soldi per mantenere attivi i Mammoth Mammoth. E speriamo che i Black Sabbath facciano un altro tour con noi come supporto.


Gli ultimi cinque dischi che avete comprato? E cinque che consigliereste in quanto li ritenete fondamentali per chiunque si ritenga un appassionato di musica?

Ho comprato un po' di vinili l'altro giorno in un piccolo negozio di cianfrusaglie: "Burn" dei Deep Purple, "Harvest" di Neil Young, "Pride" dei White Lion, "Practice What You Preach" dei Testament e "A Very Brady Christmas".


Cosa c'è nel futuro prossimo dei Mammoth Mammoth?

Stiamo per firmare con una major in Europa che farà uscire il nuovo album e tutti gli altri in tutto il mondo. Siamo entusiasti! Questo accadrà all'inizio del 2013. Poi andremo in tour. Siamo carichissimi. I Mammoth Mammoth non potranno che diventare più grandi. Potremmo essere costretti a cambiare il nome in Mammoth Mammoth Mammoth.


Siamo alle battute finali, tocca salutare quindi a voi la parola.

Grazie per il vostro tempo. Chiunque voglia saperne di più su di noi può andare su www.mammothmammoth.com e cercare "mammoth hells likely" su Youtube per vedere i nostri ultimi video. Spero di incontrarvi on the road. Stay Mammoth.

Aristocrazia Webzine © 2008. Design by :Yanku Templates Sponsored by: Tutorial87 Commentcute